Presentazione di “Un delicato profumo di gelsomino”


Sintesi video della manifestazione


Foto gallery


Rassegna stampa

La riviera

Lente Locale

TeleMia

Radio Venere


Le canzoni di Paolo Sofia, accompagnato dal chitarrista Fabio Palmitesta, e le letture di Simona Zavaglia faranno da cornice alla presentazione del libro di Giuseppe Iaconis “Un delicato profumo di gelsomino”

Il 27 luglio 2022, alle ore 22:00, in Piazza Canceglia, sul lungomare di Bovalino, Giuseppe Iaconis presenterà il suo ultimo libro dal titolo “Un delicato profumo di gelsomino”, Radici Future edizioni.

All’iniziativa – patrocinata dal Comune di Bovalino, dalla Pro loco, dal Sistema Bibliotecario Ionico e dall’Associazione Museo della Scuola “I Care!” – prenderà parte il cantautore Paolo Sofia, il quale proporrà delle canzoni coerenti con le tematiche proposte dal testo e, per l’occasione, sarà accompagnato dal chitarrista Fabio Palmitesta.

Le letture di alcuni brani del romanzo saranno affidate a Simona Zavaglia, pedagogista e lettrice espressiva, che vanta un’esperienza consolidata nel campo della narrazione con musica dal vivo. Da anni, infatti, è impegnata in Emilia Romagna nel progetto “Musicafiaba”, che si propone di avvicinare i bambini alla musica e alla lettura ad alta voce.

Dopo il saluto del Sindaco di Bovalino, Vincenzo Maesano, e del Preside Francesco Sacco, Vito Pirruccio, Presidente dell’Associazione Museo della Scuola “I care!”, converserà con l’autore sulle diverse tematiche proposte da un romanzo che intende raccontare, come afferma  Antonio Gelormini sulla pagine di Affari italiani, “…la storia di un amore senza tempo, per una terra madre e padre al tempo stesso, rappresentata nelle sue diverse sfaccettature… Un affresco a tinte forti, in cui la figura di Michele si staglia per il carattere pervicace di uomo del Sud, capace di farsi junco quando passa la piena e trovare il modo di affermarsi, con il fil rouge incolore, ma intenso, dell’essenza inconfondibile del profumo del gelsomino. Una dichiarazione a più voci, per cantare l’affetto e l’attaccamento alle proprie radici, da cui trarre linfa e stimoli per un futuro dall’orizzonte più largo e più ricco di legalità”.

Clicca sull’immagine per ingrandire
Clicca sull’immagine per ingrandire